- asimmetrie.org - http://www.asimmetrie.org -

Le contraddizioni del Colle

La voce dei padroncini del vapore ci informa che il Colle vuole specifiche garanzie “internazionali” [1] prima di dare l’incarico di formare un Governo politico. In sostanza, il Colle vorrebbe la promessa che nessuno disturberà Leuropa o l'”autopilota” [2].

Sul sito del Quirinale non trovo traccia di ciò, ma assumiamo che sia vero e parliamone.

Sarebbe un atteggiamento costituzionalmente corretto? Ho i miei dubbi, ma prima ancora ritengo che sarebbe una posizione logicamente incoerente.

Infatti, se il Colle vuole legare le mani ad un Governo politico, sta cercando di legare l’aria poiché:

  1. l’ultima parola sui rapporti internazionali spetta al Parlamento. Nessun Governo, e tanto meno un Governo politico, può opporsi alla rinegoziazione di trattati o alla decisione di non concorrere ad una azione di guerra ritenuta ingiusta, se le forze parlamentari così decidono. Ogni “garanzia” sarebbe inutiliter data;
  2. un Governo politico può dare o non dare impulso in tal senso, ma questo impulso o non impulso presupporrà sempre una volontà politica sottostante, la quale non può essere preventivamente “blindata” da nessuno.

In sostanza, anche a prescindere dal risultato di rottura delle elezioni di marzo, e dal fatto che qualsiasi “garanzia” avrà oggettivamente le gambe corte [3], Governo politico e garanzie politiche preventive al Colle sono concetti tra loro in contraddizione.

Charlie Brown