L’esercito europeo di riserva

47 Posted by - 20 gennaio 2016 - Blog

Le grandi strategie sono sempre composte da una sequenza di piccole iniziative e il quadro finale diventa visibile solo quando tutti i singoli pezzi del puzzle sono stati inseriti al posto giusto. La divisione in singole iniziative permette di focalizzare le discussioni su aspetti minori, senza sottoporre la grande strategia al vaglio dell’opinione pubblica o del dibattito parlamentare. Le grandi strategie sovranazionali, poi, hanno anche il vantaggio di limitare il dibattito oltre che alle singole misure anche a specifiche questioni locali, interne ai singoli paesi. Il disegno strategico di fondo non può essere contestato perché non è reso esplicito, non è sottoposto a dibattito e supera i confini delle competenze nazionali. Esso rimane quindi perfettamente al riparo dal processo democratico.

Uno di questi grandi disegni strategici che si sta realizzando in questi anni è la trasformazione dello stato sociale e del mercato del lavoro in Europa. Il cambio di paradigma fu dichiarato vent’anni fa dall’OCSE: passare dall’attivismo dello stato in economia per promuovere la piena “occupazione” alle politiche liberiste e mercantiliste per promuovere la piena “occupabilità”. Destra e sinistra in tutti i paesi si sono egualmente spese senza grandi distinzioni, in Italia come in Europa, per applicare il nuovo paradigma. Come tutte le grandi strategie, anche questa è composta da una sequenza di misure specifiche e ha un preciso modello di riferimento.

Il primo punto è il contenimento dei salari. È fondamentale che livello dei salari sia basso per mantenere competitivo il sistema produttivo. L’esigenza di essere più competitivi e di tirare un po’ tutti la cinghia in tempi di crisi sono le giustificazioni tipiche per far accettare questo contenimento. Come ben sappiamo questa esigenza diventa più pressante quando non si dispone del meccanismo del tasso di cambio. In altre parole, col cambio fisso il salario deve diventare flessibile. Nella zona euro abbiamo deciso di sostituire il tasso di cambio come meccanismo di aggiustamento degli squilibri esterni con il licenziamento e l’abbassamento dei salari. La riduzione dei salari nel settore pubblico si può fare per decreto (per ridurre il salario in termini reali, basta anche congelarlo in termini nominali, come spesso avviene), nel settore privato si ricorre alla decentralizzazione della contrattazione collettiva a livello di singola azienda. In quel modo il potere negoziale del singolo lavoratore è drasticamente ridotto. L’abbassamento dei salari, in generale, è facilitato dalla maggiore possibilità di licenziamento e dalla maggiore concorrenza per ottenere un posto di lavoro.

Subito dopo viene la ben nota questione della flessibilità, ovviamente flessibilità in uscita, come si chiama in linguaggio tecnico la possibilità di licenziare più facilmente. Si tratta di ridurre tutto il sistema di protezioni giuridiche che rendono difficile licenziare un lavoratore. Come si fa a rendere questo accettabile? Prima si colpisce una categoria, e dopo si scatena la classica guerra fra poveri: settore pubblico contro privato, giovani contro anziani, donne contro uomini, nord contro sud o est contro ovest, a seconda del paese. La giustificazione che accompagna questa misura è tipicamente quella di un’istanza di giustizia, modernità, e maggiore efficienza in tempi di crisi.

In Italia ce ne è voluto, ma alla fine dopo tanti tentativi l’Articolo 18 è stato abbattuto. Il Jobs Act ha sostanzialmente – anche se non formalmente – fatto sparire il concetto di contratto a tempo indeterminato, in quanto questo tipo di contratto ha perso tutte le tutele che lo rendevano effettivamente tale. Avendo così drasticamente penalizzato una parte dei lavoratori, nel settore privato, è stato poi facile convincerli che la colpa è di quegli altri, quelli del pubblico che sono più tutelati. Quindi anche loro adesso chiedono a gran voce di eliminare i “privilegi” del settore pubblico. Così pian piano si realizza la flessibilità in uscita per tutti. A titolo di esempio, nel paese modello per le recenti riforme del lavoro, la Spagna, ormai il 28% dei nuovi contratti ha una durata inferiore a 7 giorni: assunzione il lunedì mattina, licenziamento il venerdì sera, e poi si ricomincia il lunedì successivo.

Il terzo cardine è la mobilità della forza lavoro. Una volta licenziati, i disoccupati-potenziali-lavoratori sono comunque una risorsa utilizzabile altrove, quindi è utile facilitarne lo spostamento verso le zone in cui ce n’è più bisogno. Perché questo avvenga è necessario che ci sia un perfetto coordinamento dei servizi pubblici per l’impiego, non a caso una delle priorità stabilite in quasi tutti i paesi. I servizi pubblici per l’impiego, da centri di raccordo della domanda e dell’offerta a livello locale, devono diventare nodi di un’unica grande rete trans-europea che permetta il ricollocamento rapido di manodopera inutilizzata in un paese verso quello in cui ce n’è maggiormente bisogno. Anche qui la giustificazione è semplice: maggiore integrazione europea e maggiori opportunità di lavoro per chi non ce l’ha più.

Il quarto punto, anch’esso cruciale, è il mantenimento o la formazione di competenze adeguate a rendere “occupabile” il disoccupato-potenziale-lavoratore. Nessuno vuole un lavoratore che dopo anni d’inattività non è più capace di utilizzare i nuovi macchinari o sistemi informatici, perché rimasto tecnologicamente indietro. Bisogna quindi formarlo, ovviamente non finanziandogli una continuazione degli studi, che potrebbe permettergli un salto qualitativo sul mercato del lavoro, ma cercando invece di mantenerne aggiornate le competenze tecniche e professionali tali da renderlo utilizzabile immediatamente: saper usare l’ultimo macchinario o la tecnologia più recente introdotta in azienda. Ovviamente, questo tipo di misura si può ben presentare come sostegno ai disoccupati per facilitare l’apprendimento di competenze utili nel mercato del lavoro. In questo modo ci si assicura che tutta la popolazione in età lavorativa sia costantemente formata, addestrata anche nei periodi in cui è disoccupata, e sempre disponibile per le esigenze della produzione.

Questa costruzione però non sta in piedi se le persone rimangono disoccupate per lunghi periodi, o se i contratti sono talmente brevi e i periodi di lavoro troppo scarsi per garantire un minimo livello di sussistenza. Ecco che quindi entra in gioco il pezzo fondamentale del puzzle: il reddito minimo. Esso deve essere veramente “minimo”, nel senso di non creare un disincentivo ad accettare qualunque offerta di lavoro, anche la meno appetibile. Esso deve poi essere “condizionato”, cioè immediatamente revocabile nel caso di rifiuto dell’offerta ricevuta o di mancata frequentazione del corso di aggiornamento. E poi il disoccupato deve ovviamente sempre essere reperibile dal centro per l’impiego, pena il decadimento dal reddito minimo.

Non c’è bisogno di grandi acrobazie per “vendere” il reddito minimo come una grande conquista sociale. Ciò che veramente lo caratterizza come strumento di un quadro ben più reazionario, invece, è l’insieme di condizionalità ad esso legate. Sarebbe tutt’altra cosa remunerare il lavoro nella giusta misura, in linea con la sua produttività, e garantire anche un salario minimo dignitoso a tutti. Come sarebbe tutt’altra cosa istituire un sistema pubblico di “impiego di ultima istanza”. Ma tutto questo ridarebbe al lavoratore un’autonomia, una dignità e una forza contrattuale che lo renderebbe molto meno ricattabile. La differenza fra salario minimo e reddito minimo sembra poco più di una questione semantica, e invece è la differenza fra dignità e dipendenza, fra libertà e schiavitù.

Il suggello su questo nuovo modello di stato sociale è poi la sempiterna riforma delle pensioni, che ritorna ad intervalli regolari. Il motivo di questa sua ricorrenza è la volontà di passare progressivamente a una privatizzazione del sistema pensionistico, riducendo sempre più quelle pubbliche finché il cittadino non ha più scelta. Nel nuovo modello di stato sociale il costo di supportare il lavoratore vale la pena finché questi è in età lavorativa e può essere utile, dopodiché diventa solo un peso. Per questo motivo si preferisce tagliare sulle pensioni per spendere un po’ di più in formazione professionale e nella sussistenza del disoccupato. Chi può permetterselo, accumulerà in età lavorativa una ricchezza finanziaria che gli possa permettere di mantenersi anche dopo; chi non ce la fa, una volta smesso di lavorare emigrerà dove la vita costa meno o finirà in povertà. Così si riducono i costi per il settore pubblico, cosa ormai richiesta anche da chi avrebbe interesse a non farlo.

Queste sono le singole iniziative, che prese singolarmente sono anche accettabili e giustificabili agli occhi dell’opinione pubblica, come progressi verso una società più giusta ed efficiente. Mettendole tutte insieme e facendo attenzione ai dettagli con cui queste misure vengono poi applicate, però, si può vedere come esse concorrano a formare un quadro diverso. Tutta la popolazione in età lavorativa deve essere sempre a disposizione del sistema produttivo, utilizzabile e scartabile secondo il bisogno, formata in quelle competenze direttamente richieste dalla produzione e mantenuta al livello di sussistenza nei periodi in cui non è occupata, ma ricattabile e sottoposta alla concorrenza per il posto di lavoro, cioè con scarso potere contrattuale nel momento in cui viene assunta. Il modello di riferimento è quello tedesco, completato un decennio fa dalle riforme Hartz, dal nome dell’ex-manager Volkswagen, Peter Hartz, consigliere del governo Schröder.

Non si può capire quello che sta succedendo in Europa senza conoscere le riforme Hartz e in particolare il pacchetto Hartz IV. E non si possono capire le riforme Hartz senza conoscere i cardini del pensiero ordoliberista tedesco. Esso si differenzia dal cosiddetto neo-liberismo di matrice anglosassone, e ne diventa una versione molto più estrema, in quanto considera come compito esplicito dello stato quello di assicurare il quadro politico necessario per il libero dominio del capitale sul lavoro. In pratica l’ordoliberismo è un liberismo truccato, in cui la tensione fra i due fattori di produzione è ancora più squilibrata perché lo stato interviene esplicitamente per risolverla in favore del capitale a scapito del lavoro.

La cosiddetta economia sociale di mercato di matrice tedesca è il modello economico che stiamo applicando in Europa, prevalentemente nella zona euro, dove il margine di manovra dei governi nazionali è molto più limitato. Il quadro strategico complessivo che sta venendo fuori è la trasposizione del modello sociale tedesco nel resto d’Europa, cioè la scientifica costruzione di un esercito industriale di riserva su scala europea.

 

Agenor

 

Share on Facebook2kTweet about this on TwitterShare on Google+11Email this to someone

12 Comments

  • Guido Costantini 20 gennaio 2016 - 3:28 pm

    “devono diventare nodi di un’unica grande rete trans-europea che permetta il ricollocamento rapido di manodopera inutilizzata in un paese verso quello in cui ce n’è maggiormente bisogno.”

    A prescindere dall’orrore generale, su questo punto in particolare c’è anche il piccolo problema che la mobilità potrà forse funzionare in un mega-stato più o meno omogeneo per lingua, cultura e substrato legislativo come Stati Uniti, ma in Europa c’è il problema della lingua, delle diverse certificazioni e valore dei titoli professionali, sistemi normativi piuttosto diversi che si riversano nelle pratiche di lavoro etc. etc.

    Insomma, anche se il modello si imponesse del tutto, si possono abbattere i salari, si può licenziare, si può anche fare formazione tecnica… ma poi il 90% dei lavoratori rimane sul posto in quanto ci vogliono anni per imparare il tedesco o lo svedese o quello che sia (anche l’inglese, e comunque la Gran Bretagna e l’Irlanda non possono digerire milioni i disoccupati europei) in maniera abbastanza buona da farne un uso professionale, mentre per tutti i lavori dove la lingua locale non serve ci sono milioni di extracomunitari che vincono tranquillamente la corsa ai lavori di base a paghe da fame.

    E siccome io non credo che questo piccolo dettaglio sfugga a chi vuole imporre il sistema… qual’è il vero obbiettivo? E come pensano che il mercato possa reggersi senza un congruo numero di recipienti di salari che comportino un surplus sulla mera sussistenza che possa essere usato per comprare beni di consumo? Mistero.

    • IO 20 gennaio 2016 - 5:49 pm

      Probabilmente questi si illudono che la domanda possa essere sostenuta a livello interno col DEBITO e a livello esterno con le ESPORTAZIONI.
      Non mi stupirei se a fianco a questa flessibilità forzata ti costringessero a chiedere soldi in prestito dal sistema bancario e finanziario.

      • Guido Costantini 21 gennaio 2016 - 9:46 am

        Con il debito per la domanda interna ci siamo andati avanti per venti anni ed il risultato sono le banche che oggi vanno all’aria per le sofferenze.

        Con le esportazioni agli stati sviluppati non si va avanti perchè, sostanzialmente, i loro consumatori stanno come noi e con gli stati in via di sviluppo… beh, a parte che sono sempre rimasti mercati di nicchia (beni di lusso, meccanica avanzata e know how, visto che il resto lo importiamo noi da loro: tessile, elettronica, etc.) credo che il 2016 sarà l’anno del crack dei BRICS.

        Il Brasile è già in caduta libera, la Russia (ahimè) è alla canna del gas perchè non è mai riuscita a diversificarsi dagli idrocarburi, la Cina falsifica abbondanetemnte i dati (ma basta vedere il fatto che non importa più nula di materie prime) ed il Sud Africa ha visto il suo GINi esplodere con la fine dell’Aparthaid e, se continua così, si incamminerà sull strada del radioso futuro dello Zimbabwe.

        Rimane l’India, che di questi tempi viene presentata come la Cina del futuro, ma che, anche se fosse vero, non potrebbe reggere le speranze degli esportatori mondiali da sola (ricordiamoci che, con tutte le success stories, i tata, i poli tecnologici e quant’altro, in India la stragrande maggioranza della popolazione è poverissima).

        E quindi?

        PS
        ” ti costringessero a chiedere soldi in prestito dal sistema bancario e finanziario.” in alcuni stati europei già succede, si chiama interessi negativi sui depositi bancari, ovvero, spendili o perdili. Patrimoniale sui conti stile Amato (o bail in) a breve, forse.

  • Lorenzo 20 gennaio 2016 - 3:58 pm

    Impeccabile.
    Ritengo che queste condivisibili analisi teorico/economiche dovrebbero portare la propria attenzione sotto l’aspetto filosofico e di storia delle idee, nell’opera di Alain de Benoist che illustra perfettamente il quadro ideale in cui il sistema si sviluppa.
    Grazie del vostro lavoro.

  • Matteo 20 gennaio 2016 - 4:04 pm

    Evidentemente loro ci hanno solo fatto “assaggiare” la durezza del vivere con Monti.

  • Shangrilha 20 gennaio 2016 - 5:30 pm

    La domanda che aggiungo alla tua è per vendere a chi? Perché se osserviamo la tendenza dei salari in tutto il mondo sono diminuiti o hanno stagnato rispetto alla produttività.

  • Marcus 20 gennaio 2016 - 7:07 pm

    Detta così sembra che in Europa si voglia fare la Cina del futuro.
    E come sempre quello che stupisce sono i politici “de sinistra” (a questo punto non solo italiani…).

  • marco 20 gennaio 2016 - 8:26 pm

    ringrazio per questo utilissimo e chiarissimo commento

  • Pasquale Cocozza 21 gennaio 2016 - 1:06 am

    Per cortesia a tutti quelli di buona volonta’ stampate e distribuitelo sui posti di lavoro e nelle scuole.

    • Paolo 21 gennaio 2016 - 2:20 pm

      Ognuno di noi dovrebbe farne delle copie, di questi articoli e di tutti gli altri. E’ un lavoro lungo e impervio, ma solo così si comincerebbe ad aprire le menti.

  • Gianfranco Rotondo 21 gennaio 2016 - 6:23 pm

    Ci sono regole per la riproduzione e diffusione? e se si quali?
    Grazie

    • Redazione 23 gennaio 2016 - 3:45 pm

      L’articolo può essere diffuso liberamente citando a/simmetrie come fonte